FAQ 2018

Le risposte dello staff di assistenza tecnica alle domande più frequenti di chi cerca approfondimenti su Torno Subito

SOGGETTI AMMESSI A PARTECIPARE

D: Come faccio a sapere se risulto disoccupato o inoccupato?

R: (aggiornata al 04/05/2018) l’organo che certifica il tuo attuale stato occupazionale è il centro per l’impiego. Torno Subito è destinato a inoccupati e disoccupati, per usufruire del finanziamento è necessario possedere questo requisito sia al momento dell’invio della candidatura sia, in caso di vittoria,  durante lo svolgimento della fase 1 e della fase 2.

D: Posso partecipare a Torno Subito 2018 se sono risultato vincitore di un’edizione precedente?

R: (aggiornata al 04/05/2018) In coerenza con quanto precisato all’art.8 “Motivi di esclusione” dell’Avviso pubblico il destinatario del finanziamento non deve aver beneficiato del finanziamento in una delle edizioni precedenti. E’ possibile presentare la propria candidatura solo per i vincitori di edizioni precedenti che non abbiano usufruito del finanziamento rinunciando allo stesso prima dell’avvio dell’attività.

D: Posso partecipare a Torno Subito anche se sono risultato beneficiario di un altro progetto/programma? Ad esempio: Erasmus, Leonardo, Riesco o se sto svolgendo Garanzia Giovani o un’attività di volontariato?

R: (aggiornata al 04/05/2018) L’Avviso Pubblico non rileva incompatibilità ammesso che non venga compromessa l’attività progettuale.

D: Posso partecipare a Torno Subito se sono titolare di partita IVA?

R: (aggiornata al 04/05/2018) No, al momento della candidatura e durante tutta l’attività progettuale non è concesso essere titolari di partita IVA anche se non movimentata.

D: Posso partecipare a Torno Subito 2018 se sono diplomato?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Sì, ma solo se si presentano proposte progettuali a valere sui seguenti ambiti: professioni del cinema; professioni della cucina e dell’enogastronomia.

D: Chi ha conseguito la qualifica triennale presso un Istituto Professionale Alberghiero è un soggetto ammissibile a presentare la proposta?

R: Aver concluso negli anni 2015, 2016, 2017 il percorso triennale di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) – “Operatore addetto alla ristorazione” – indirizzo “Preparazione pasti” ed indirizzo “Servizi sala e bar” realizzato presso istituti con sede in regione Lazio da la possibilità di presentare proposte progettuali a valere sull’ambito professioni della cucina e dell’enogastronomia.

D: Ho 35 anni compiuti posso presentare la domanda?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Si, alla data di invio della candidatura non devi aver compiuto 36 anni.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

RESIDENZA NELLA REGIONE LAZIO

D: Ai fini della verifica del requisito relativo alla residenza nel Lazio qual è la data di riferimento per il calcolo dei sei mesi?

R:  (aggiornata al 04/05/2018) Per poter partecipare a Torno Subito 2018 deve essere dimostrabile la residenza nella Regione Lazio da almeno sei mesi rispetto alla data di presentazione del progetto (data di invio telematico attraverso formulario di candidatura on line).

D: Sono residente nel Lazio ma sulla mia carta di identità è ancora presente il mio vecchio indirizzo fuori dalla regione Lazio, come posso dimostrare di essere residente?

R:  (aggiornata al 04/05/2018) In questo caso alla carta di identità dovrai allegare in un unico file PDF anche il certificato di residenza rilasciato dal comune.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

PRESENTAZIONE PROGETTO

D: Come verrà valutato il progetto presentato?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Le operazioni di valutazione saranno articolate in due fasi:

  • verifica di ammissibilità dei requisiti di cui all’Art. 3 dell’Avviso pubblico e verifica di ammissibilità in riferimento ai motivi di esclusione di cui all’Art. 8 dell’Avviso Pubblico;
  • valutazione di merito effettuata sulla base della tabella consultabile all’Art.9 “Ammissibilità e valutazione delle proposte progettuali”

La fase di ammissibilità sarà effettuata dal Responsabile Unico del Procedimento.  La valutazione dei progetti sarà effettuata da una Commissione di valutazione nominata da apposita Determinazione Dirigenziale.

D: Qual è il punteggio minimo da raggiungere per risultare vincitori?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Saranno considerati finanziabili i progetti che conseguano una valutazione non inferiore a 50 punti, su un totale di 100 punti attribuibili.

Saranno finanziati i progetti in ordine di graduatoria, fino alla concorrenza delle risorse disponibili. Nel caso di parità di punteggio fra due o più interventi, la priorità in graduatoria viene stabilita in base all’ordine di arrivo delle domande, verificandone la data e l’ora di ricezione nel sistema di candidatura on-line.

D: Cosa significa “schema da riportare su carta intestata?

R: (aggiornata al 04/06/2018) Significa che il contenuto del documento deve essere riportato sulla carta intestata dell’ente o dell’azienda partner che avete contattato per coinvolgerlo nel vostro progetto, a tal proposito è bene ricordare che la carta intestata non è solo un foglio che presenta il logo del partner ma è la carta che fornisce dati sul mittente, in modo che per il destinatario sia immediatamente chiaro chi ha spedito la comunicazione per poterlo rintracciare in caso di necessità; se l’intestazione non è stampata sul foglio, viene solitamente scritta sul bordo. Contiene: ragione sociale della ditta o nome e cognome del mittente indirizzo ( via, numero civico, cap, città sigla della provincia) prefisso e numero di telefono, fax, indirizzo di posta elettronica, eventuale sito internet. codice fiscale e/o partita IVA.

D: Quali sono i motivi di esclusione?

R: (aggiornata al 04/05/2018) All’Art.8 dell’Avviso pubblico sono dettagliati i motivi di esclusione:

  1. Non possesso dei requisiti di cui all’art. 3 del presente Avviso;
  2. Mancato rispetto delle prescrizioni di cui all’art.4 del presente Avviso;
  3. Mancata presentazione, per chi partecipa alla linea Formazione di un preventivo o un documento ufficiale su carta intestata rilasciato dall’Ente che eroga la formazione contenente le seguenti informazioni minime: data inizio e data fine corso; luogo del corso; Durata del corso espressa in ore/formazione; Costo omnicomprensivo del corso compreso contributi e tasse; Programma con descrizione esaustiva dei contenuti e dei moduli previsti;
  4. Mancata presentazione, per chi partecipa alla linea Work Experience, dell’Allegato 1 su carta intestata dell’ente partner e opportunamente firmato dal rappresentante legale o da soggetto opportunamente delegato;
  5. Mancata presentazione dell’Allegato 2 su carta intestata dell’ente partner e opportunamente firmato dal rappresentante legale o da soggetto opportunamente delegato;
  6. Modalità di presentazione della domanda differente dalla procedura definita all’art. 7;
  7. Mancata presentazione, per chi sceglie un paese extra-europeo per svolgere la Fase 1, del preventivo dell’assicurazione sanitaria
  8. Mancato invio della candidatura entro il termine previsto dal presente Avviso Pubblico (di cui all’art.7)
  9. Aver già beneficiato del finanziamento Torno Subito in una delle edizioni precedenti

D: Posso utilizzare come conto dedicato a Torno Subito una carta prepagata?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Anche se non vietato dall’Avviso Pubblico l’utilizzo di carte prepagate è FORTEMENTE SCONSIGLIATO in quanto solitamente:

  • hanno limiti di plafond (anche non chiaramente segnalati dalla banca che le emette) che non permettono il corretto accredito dell’acconto che riceverete come primo pagamento
  • spesso non emettono le contabili di pagamento definitivo (BONIFICO ESEGUITO) espressamente richieste dall’Avviso Pubblico per la rendicontazione delle spese

D: Qual è la prima cosa che devo fare una volta risultato vincitore?

R: (aggiornata al 04/05/2018) A seguito dell’ammissione della proposta progettuale al contributo, e prima dell’avvio delle attività di progetto, è necessario sottoscrivere apposita Convenzione (Allegato 3) con Laziodisu che regolamenta i termini, le condizioni e le modalità di esecuzione e rendicontazione delle attività.

D: E’ possibile apportare delle modifiche al progetto approvato? Se sì come devo procedere?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Possono essere presentate due richieste di modifica per fase, queste non devono però variare le finalità progettuali finanziate. Le richieste di modifica dovranno essere presentate esclusivamente attraverso il sistema gestionale on-line seguendo le istruzioni operative rilasciate dal sistema stesso. Il sistema gestionale on-line prevede le funzionalità di approvazione delle modifiche presentate. In ogni caso, nella Fase 1, non sarà possibile presentare modifiche che comportino un aumento del budget rispetto a quello approvato in graduatoria e nella fase 2 non sarà possibile proporre modifiche che ne aumentino la durata rispetto a quanto approvato inizialmente.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

FORMAZIONE

D: Nel progetto ho inserito un Master che prevedeva una selezione che non ho superato, cosa posso fare?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Può essere presentata una richiesta di modifica del progetto, con la proposta di un master o corso di specializzazione che deve avere le stesse caratteristiche (obiettivi e tematiche) di quello previsto in fase di candidatura.

D: Posso presentare un progetto con un Master di durata biennale?

R: (aggiornata al 29/05/2018). Si ma il periodo finanziato deve essere compatibile con le date indicate all’interno della Tabella 1 dell’articolo 4.

D: Il percorso di formazione che ho individuato per la mia fase 1 di progetto dura più di 6 mesi, posso presentarlo?

R: (aggiornata al 29/05/2018). I corsi di formazione della durata superiore a 6 mesi potranno essere finanziati per un massimo di 6 mesi riconoscendo così il rimborso del costo di formazione applicato ai corsi con durata di 6 mesi (di cui all’Art.6) e il conseguente riconoscimento dei costi di vitto, alloggio e viaggio sempre per 6 mesi (di cui all’Art.6).

D: Se il mio Master inizia il 9 settembre, posso partecipare alla Linea progettuale “Torno Subito Formazione”, benché questa inizi il 1 ottobre?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Puoi presentarlo solo se consapevole che Torno Subito potrà coprire i costi di formazione e le indennità si soggiorno non oltre i 6 mesi indicati come periodo massimo finanziabile, questo significa che eventuali costi eccedenti saranno a tuo carico.

D: Per 80 ore mensili si intende che la media mensile sia di almeno 80 ore?

R: (aggiornata al 04/05/2018)  Si, come precisato all’Art. 4 dell’Avviso pubblico la linea Torno Subito Formazione prevede, al di fuori della regione Lazio, la frequenza di master universitari, master erogati da altri enti pubblici o privati, corsi di specializzazione o corsi di formazione erogati da soggetti pubblici o privati  della durata minima di 80 ore medie mensili. Le mensilità vengono calcolate facendo riferimento alla data di inizio e alla data di conclusione del percorso formativo come da preventivo allegato in fase di presentazione della domanda.

D: Qual è il minimo di ore che devo necessariamente svolgere per vedermi riconosciuto l’importo del corso o Master?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Ai fini del riconoscimento dell’ importo del corso, come risultante dalla documentazione presentata, il Destinatario dovrà assicurare la frequenza di almeno l’ 80% delle ore programmate così come definite dal preventivo/documentazione allegata in fase di presentazione della domanda. Al di sotto della soglia dell’ 80% delle ore di frequenza programmate, l’importo riconosciuto sarà pari a zero. (Art.4 “Informazioni di dettaglio sulle specificità delle singole Linee progettuali”)

D: Quali ore concorrono al calcolo totale?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Al calcolo totale delle ore minime previste concorrono le ore di lezione frontale, le ore di project work e le ore di eventuali stage previsti dal percorso formativo. Non possono essere considerate valide le ore di studio individuale ai fini del calcolo del monte ore. (Art.4)

D: Se all’estero volessi svolgere un Master equiparato ad un corso di laurea in Italia posso partecipare a Torno Subito?

R: (aggiornata al 29/05/2018). Non puoi partecipare.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

TIROCINIO

D: Per la seconda fase l’ente ospitante ha la sede operativa nel Lazio, ma quella legale fuori regione. Va bene?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Si. L’importante è che l’esperienza lavorativa della seconda fase sia svolta nel Lazio.

D: La frequenza di un tirocinio curriculare previsto dal piano di studi del mio corso di laurea in Italia è compatibile con la Fase 2 di Torno Subito?

R: (aggiornata al 04/05/2018) SI, se l’Università è il soggetto promotore e le date di avvio e termine e la durata sono compatibili con quanto indicato nell’Avviso Pubblico

D: Posso modificare la mia fase 2 aumentandone la durata prevista approvata in sede di valutazione?

R: (aggiornata al 04/05/2018) No, non puoi proporre una modifica che aumenti la durata di fase 2 inizialmente approvata.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

RENDICONTAZIONE

D: Quali sono le spese che dovrò rendicontare?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Nel modulo della tua area riservata chiamato TERMINA FASE 1 e nella prima richiesta di pagamento dovrai inserire la documentazione riguardante le spese sostenute a costo reale finanziate nel tuo budget di progetto:

In fase di richiesta di pagamento:

  • spese di acquisto della polizza fideiussoria (prepara un PDF contenente la CONTABILE DI BONIFICO ESEGUITO relativa al tuo pagamento, ricordati di annullare tutti i documenti apponendovi a penna la dicitura di annullamento presente all’Art. 4 dell’Allegato 3)

In fase di rendicontazione delle spese di fase 1:

  • spese di acquisto del corso di formazione (prepara un unico PDF contenente la FATTURA emessa dall’ente erogante il corso e la CONTABILE DI BONIFICO ESEGUITO relativa al tuo pagamento, ricordati di annullare tutti i documenti apponendovi a penna la dicitura di annullamento presente all’Art. 4 dell’Allegato 3)
  • spese di acquisto della polizza sanitaria (prepara un unico PDF contenente la POLIZZA riportante il premio pagato e la CONTABILE DI BONIFICO ESEGUITO relativa al tuo pagamento, ricordati di annullare tutti i documenti apponendovi a penna la dicitura di annullamento presente all’Art. 4 dell’Allegato 3)
  • spese di acquisto dell’assistenza coperta dai costi supplementari (se hai usufruito dei costi supplementari contattaci per verificare come allegare al meglio la documentazione necessaria)

D: Posso pagare in contanti le spese che dovrò rendicontare?

R: (aggiornata al 30/05/2018) ASSOLUTAMENTE NO. eventuali pagamenti in contanti non potranno essere rendicontati e dovrai restituire quella quota di finanziamento.

D: Posso utilizzare come conto dedicato a Torno Subito una carta prepagata?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Anche se non vietato dall’Avviso Pubblico l’utilizzo di carte prepagate è FORTEMENTE SCONSIGLIATO in quanto solitamente:

  • hanno limiti di plafond (anche non chiaramente segnalati dalla banca che le emette) che non permettono il corretto accredito dell’acconto che riceverete come primo pagamento
  • spesso non emettono le contabili di pagamento definitivo (BONIFICO ESEGUITO) espressamente richieste dall’Avviso Pubblico per la rendicontazione delle spese

D: Posso effettuare pagamenti che dovrò rendicontare dal conto di un parente o di un amico?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Assolutamente no. L’unico conto che potrai utilizzare è quello indicato nella sezione apposita della domanda in sede di candidatura e nella tua scheda progetto in sede di gestione dell’attività (in questo caso avrai la possibilità di apportare modifiche al conto comunicato in totale autonomia), il conto dovrà necessariamente essere a te intestato o cointestato.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

SOGGETTI OSPITANTI-PARTNER

D: Chi sono i soggetti ospitanti-partner?

R: (aggiornata al 04/05/2018)  I Soggetti ospitanti-partner possono essere scelti tra le università, centri di ricerca, enti pubblici, società private, associazioni profit e non profit, cooperative, studi professionali, coworking, fablab, etc.,  purché coerenti con l’idea progettuale e gli obiettivi del progetto (Art.5 “Il ruolo dei soggetti ospitanti-partner”)

D: Che ruolo hanno i soggetti ospitanti-partner e quando vanno identificati?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Per poter presentare il progetto, il Proponente deve necessariamente individuare i 2 Soggetti ospitanti-partner, il primo per la Fase 1 da svolgere fuori dal Lazio ed il secondo per la Fase 2 da svolgere nel Lazio. In entrambe la Fasi del progetto, il ruolo del Soggetto ospitante-partner è di sostenere il percorso di miglioramento delle competenze e di reimpiego delle stesse, allo scopo di massimizzare gli effetti positivi del progetto (Art.5)

D: Come viene definita la collaborazione tra il Proponente e i Soggetti ospitanti-partner?

R: (aggiornata al 04/05/2018) La collaborazione tra il Proponente e i Soggetti ospitanti-partner dovrà essere attestata, in fase di presentazione della domanda.

In caso di work experience dalla sottoscrizione di una lettera di intenti per la fase 1 e di una lettera di intenti per la fase 2:

  • Allegato 1
  • Allegato 2

In caso i formazione dalla produzione di un preventivo o di un documento ufficiale cosi come specificato all’Art.4 dell’Avviso Pubblico e di una lettera di intenti per la fase 2:

  • Preventivo o Documento Ufficiale come da Art.4 dell’Avviso Pubblico
  • Allegato 2

Le lettere di intenti devono essere sottoscritte dal legale rappresentante o suo delegato. La lettera di intenti (allegati 1 e 2) è tesa a dimostrare la volontà di voler ospitare il Proponente in caso di finanziamento dell’idea progettuale da questi presentata ed al termine delle attività previste dal progetto, non dà luogo a nessun ulteriore obbligo per il Soggetto ospitante-partner.

D: Chi individua i soggetti ospitanti-partner adatti al mio progetto?

R: (aggiornata al 04/05/2018)  Tu, i soggetti ospitanti-partner dovranno essere individuati dal candidato in piena autonomia in coerenza con gli obiettivi del progetto (Art.5)

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

EROGAZIONE CONTRIBUTO E TRATTAMENTO FISCALE

D: Se dovessi risultare vincitore come mi verrà erogato il contributo?

R: (aggiornata al 04/05/2018)

Il contributo ammissibile per ciascuna proposta progettuale sarà erogato attraverso:

un acconto iniziale, comprensivo di tutti i costi attinenti alla permanenza fuori della regione Lazio nella Fase 1;

– rimborso trimestrale relativo alle esperienze in ambito lavorativo previste in Fase 2.

Le modalità operative di richiesta ed erogazione del contributo sono riportate all’art 7 della Convenzione tra DiSCo ed il Destinatario (Allegato 3).

D: Dal punto di vista fiscale come viene considerato l’importo che mi viene erogato?

R: (aggiornata al  04/05/2018) Alcune voci del budget che ti verrà riconosciuto sono a costi reali altre invece saranno forfettarie e quindi soggette a tassazione a monte perchè “assimilate a reddito da lavoro dipendente”. se il quadro reddituale lo consente potrai recuperare l’IRPEF detratta presentando un’ordinaria dichiarazione dei redditi. Ricordati di comunicare al CAF o al tuo commercialista che DiSCo NON è tuo sostituto d’imposta, otterrai così il rimborso dall’Agenzia delle Entrate; al fine di recuperare l’IRPEF detratta l’ufficio fiscale di Laziodisu invierà la certificazione unica secondo la tempistica utile alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

D: Le voci di budget che vedo nella mia scheda progetto sono nette o lorde?

R: (aggiornata al  04/05/2018) Alcune voci di budget sono nette altre lorde in quanto assimilate a reddito da lavoro dipendente e quindi sottoposte a tassazione.

  • Acquisto formazione -> importo netto
  • Indennità lavorativa di prima e seconda fase -> importo lordo
  • Contributo di vitto e alloggio -> importo lordo
  • Contributo acquisto viaggio -> importo lordo
  • Acquisto polizza fideiussoria -> importo netto
  • Acquisto polizza sanitaria – > importo netto
  • Acquisto assistenza supplementare -> importo netto

D: Cosa si intende per anno solare 2018?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Anno solare 2018 è quello compreso tra il 1 gennaio 2018 ed il 31 dicembre 2018.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

PEC

D: Posso richiedere informazioni via PEC?

R: (aggiornata al 04/05/2018) No, eventuali richieste di informazioni inviate via PEC non saranno evase. Potrete richiedere informazioni utilizzando l’indirizzo di posta infotornosubito2018@laziodisu.it.

D: Per quanto tempo devo tenere attiva la mia PEC?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Il contatto PEC deve essere mantenuto attivo per tutta la durata dell’attività progettuale, è indispensabile fornire un contatto PEC valido al fine di poter ricevere correttamente eventuali comunicazioni ufficiali da parte di DiSCo.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

INAIL E RESPONSABILITÀ CIVILE CONTRO TERZI

D: In quali casi DiSCo copre le spese assicurative INAIL e Responsabilità Civile contro Terzi (RCT)?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Come precisato all’Art.12 dell’Avviso pubblico DiSCo è tenuta alle coperture  assicurative INAIL e Responsabilità Civile contro Terzi (RCT) a favore dei destinatari per:

  • le esperienze in ambito lavorativo realizzate in Fase 2 (ad esclusione dei percorsi di accompagnamento all’autoimprenditorialità realizzati presso un coworking dove  è a carico di Laziodisu solo la copertura di Responsabilità Civile contro Terzi);
  • per le esperienze in ambito lavorativo realizzate in Fase 1 in altre regioni italiane all’interno della linea “Torno Subito Work Experience

D: Quali sono i codici delle assicurazioni INAIL e Responsabilità Civile contro Terzi (RCT) che devo comunicare al centro per l’impiego in sede di attivazione del progetto formativo?

R: (aggiornata al 04/05/2018) I codici saranno pubblicati in questa sezione e nella sezione apposita della propria area riservata della piattaforma online.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

RINUNCIA

D: Quali sono i motivi considerati validi per rinunciare al progetto prima della sua conclusione?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Come precisato all’Art. 5 “Modalità di esecuzione” della Convenzione (Allegato3) tra le motivazioni ritenute ammissibili per la rinuncia ci sono:

  • le proposte di lavoro che il beneficiario intende cogliere. Tali proposte devono essere giustificate con la produzione di valida documentazione che ne attesti la veridicità e, dopo approvazione Laziodisu, l’eventuale effettivo avvio del rapporto di lavoro;
  • gravi motivi di salute del beneficiario o di un suo parente prossimo. Nei casi di legittima interruzione del progetto, saranno riconosciute tutte le spese sostenute sino al momento dell’interruzione approvata da DiSCo.

Al di fuori dei casi esposti sopra il progetto non può essere interrotto pena la restituzione dell’intero contributo percepito sia come acconto che come indennità mensile. In caso di mancata restituzione si procederà alla attivazione della polizza fideiussoria sottoscritta a garanzia del corretto svolgimento del progetto.

Si ricorda a tal proposito che tirocini, stage , internship ed altre esperienze formative NON SONO proposte di lavoro e quindi non rappresentano motivazione valida alla presentazione di rinuncia.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

POLIZZA FIDEIUSSORIA

D: Cos’è la polizza fideiussoria?

R: (aggiornata al 04/05/2018)  La polizza fideiussoria viene rilasciata da banche, assicurazioni o da intermediari finanziari iscritti negli elenchi di cui agli artt. 106 e 107 del D.Lgs. n. 385/1993 e s.m.i , viene stipulata come forma di garanzia per l’adempimento degli accordi pattuiti dal Destinatario del finanziamento. Per quanto riguarda Torno Subito la garanzia richiesta e rimborsata già nell’acconto (si veda Art. 6 dell’Avviso pubblico) è fino al 3% del totale dell’importo finanziato (come da graduatoria). Lo schema di polizza fideiussoria è l’Allegato 10 dell’Avviso pubblico.

ATTENZIONE! Il pagamento della polizza, come tutti gli altri pagamenti, deve essere effettuato dal conto corrente a voi intestato e NON PUO’ ESSERE EFFETTUATO IN CONTANTI – in caso contrario il pagamento non verrà riconosciuto come spesa rimborsabile.

D: Quando va stipulata la polizza fideiussoria?

R: (aggiornata al 04/05/2018) In caso di ammissione la polizza fideiussoria deve essere stipulata necessariamente dopo l’avvenuta firma della Convenzione con Laziodisu (Allegato 3) perché andrà allegata alla richiesta di acconto.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

POLIZZA SANITARIA

D: La polizza sanitaria è obbligatoria?

R: (aggiornata al 04/05/2018) La sottoscrizione di una copertura assicurativa sanitaria è obbligatoria per chi presenta una proposta progettuali la cui fase 1 venga svolta in un paese extra europeo come indicato nel dettaglio nell’allegato 11 Tabella 5. La mancata presentazione di un preventivo relativo alla polizza sanitaria in sede di partecipazione comporta l’esclusione come indicato all’Art. 8 dell’Avviso Pubblico.

D: Se il budget approvato per il mio progetto prevede anche la polizza sanitaria, quando compilo il “Termina Fase 1” all’interno del formulario on line quale documento devo allegare a supporto di questa spesa?

R: (aggiornata al 04/05/2018) Per vedersi riconosciuta la spesa sostenuta per la polizza sanitaria è necessario allegare la copia della polizza sanitaria stipulata a nome del beneficiario, con le clausole previste per legge e il costo della stessa ben evidente. Inoltre è necessario allegare la copia della contabile di pagamento effettuato. NON POSSONO ESSERE RICONOSCIUTE fatture emesse da soggetti intermediari o semplici attestati.